Controllo SEO del tuo sito web: seconda parte

La scorsa volta ti ho parlato in questo articolo di quali sono i primi fattori da controllare per una buona ottimizzazione SEO del tuo sito internet. Oggi proseguiamo con la seconda parte!

siti web seo ottimizzazione 1. Utilizza il bold per le parole chiave

All’interno dei contenuti che pubblichi nei tuoi post, o comunque ogni volta che scrivi un testo, devi inserire le parole chiave per le quali hai ottimizzato il tuo articolo e tutta la struttura intorno (Title – Description – Url – Alt immagini).

Per evidenziare le parole chiave ti consiglio di utilizzare il tag Bold – il famoso “grassetto” – per enfatizzare quella parola e per far capire a Google che quella parola ha un’importanza particolare nel tuo testo. Come sempre non devi esagerare, altrimenti il pericolo sovra-ottimizzazione e relativa penalizzazione sono dietro l’angolo! siti web seo ottimizzazione

2. Densità delle parole chiave nel testo

Da qualche tempo, fortunatamente, è andato scomparendo il mito dell’importanza della densità di parole chiave rispetto a un contenuto scritto. Senza dilungarmi troppo ti consiglio di distribuire bene le tue parole chiave all’interno dei testi che scrivi senza forzare troppo l’utilizzo di quest’ultime.

Prima di pubblicare un post fai sempre questo semplice test: se ciò che hai scritto ti sembra innaturale hai tuoi occhi lo sarà anche per Google.

Qui sotto c’è uno screenshot con il quale dovresti avere più chiaro il concetto di giusto e sbagliato rispetto all’utilizzo delle parole chiave all’interno di un post.

3. Link interni fra le pagine

I link in entrata sono fondamentali per il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca ma anche quelli interni hanno la loro importanza. Un’architettura interna di link – ossia una pagina o post che punta ad un’altra pagina o post interna – aiuterà gli spider di Google ad indicizzare meglio tutte le tue pagine oltre a fargli capire quale argomento tratta il tuo post o documento che hai scritto.

Non solo, una buona struttura di link interni aiuterà anche i tuoi utenti che riceveranno beneficio da questa cosa, dal momento che li “guiderai” fra le pagine del tuo sito o blog alla ricerca di altri post interessanti. Spesso è utile rimandare un’utente verso una pagina che tratta un’argomento specifico utilizzando un link ed una keyword ben ottimizzata.

Esempio: se all’interno di questo post ti volessi parlare di come ottimizzare le immagini per Google, ti manderei ad una pagina di approfondimento attraverso questo link che ho appena messo. Semplice, no?! siti web seo ottimizzazione

4. Indirizzo fisico nel footer

Invece di zeppare 6.500 link nel tuo footer con anchor text discutibili, utilizza quest’ultimo per inserire l’ indirizzo fisico dello studio e i tuoi dati di recapito. Ti sembrerà strano ma Mr.Google sa leggere questi dati e li utilizza per geo-localizzare meglio la tua attività e potenziare la tua presenza su Google Local. (Ovviamente, se non ce l’hai di già, devi aprire una pagina Google Local gratuita).

5. Utilizza il TAG H2 nei tuoi post

Le liste numerate che vedi qui sopra sono scritte utilizzando il TAG H2. Perchè è così importante ti chiederai? Giusta domanda!

Una buona formattazione del testo è un fattore importante per una buona ottimizzazione. Ecco perchè il TAG H2, amatissimo da Google, è così importante.

Il TAG H2 è un sottotitolo che io utilizzo per “spezzare” gli argomenti che tratto nei miei post, in questo modo faccio capire ai motori di ricerca che dopo il sottotitolo parlerò approfonditamente dell’argomento.

6. I contenuti devono essere unici

C’è solo una parola d’ordine da rispettare: NON COPIARE. Se copi e incolli spudoratamente i contenuti da un’altro sito web potresti, anzi, vieni penalizzato da Google. Perciò, prenditi due/tre ore alla settimana per scrivere i tuoi post, impegnati, spremi le meningi e fatti venire fuori le parole giuste per  esprimere ciò che hai da dire.

Ricorda: i tuoi utenti e i motori di ricerca non hanno bisogno che tu scriva come il Manzoni! Scrivi come parli, fai un po’ di attenzione alla grammatica e all’ortografia ma prima di tutto fatti capire dai tuoi lettori. Se i tuoi utenti ti ameranno anche Google ti amerà. Sembra una bischerata – come si dice dalle mie parti – ma è la verità! siti web seo ottimizzazione

7. Scrivi i post di almeno 300 parole

I tuoi lettori non hanno tempo, vivono una vita frenetica e necessitano di informazioni veloci da leggere e concentrate. Perciò, non fare come me che quando scrivo non mi fermo più!

A parte gli scherzi, sii sintetico quanto basta ma cerca di non scendere sotto il mimimo sindacale delle 300 parole. Questo è un numero indicativo ma è un buon punto di partenza sul quale fare riferimento quando scriverai il tuo prosimo post.

Mi sono dimenticato qualcosa? Se si, aggiungilo tu con un commento, mi farebbe molto piacere!

Ti potrebbe interessare anche:

siti web seo ottimizzazione
Ex fotografo, innamorato profondamente della fotografia. Curioso, pignolo e testardo ma sempre con il sorriso sulle labbra. Sogna la sua vecchiaia sulle Alpi bavaresi insieme ad Heidi e le caprette che gli fanno "ciao!".
siti web seo ottimizzazione
siti web seo ottimizzazione

Latest posts by Cristiano Bianchi (see all)

siti web seo ottimizzazione